E’ RIMASTA SETTE GIORNI ABBANDONATA IN AEROPORTO, POI HANNO DECISO DI CONTROLLARE CIO’ CHE SI TROVAVA ALL’INTERNO.

La notizia sta facendo il giro del mondo per quanto risulta sconcertante. A quanto pare, nell’aeroporto di Beirut, in Libano, qualche tempo fa, venne rinvenuta una scatola. Si trattava probabilmente di un oggetto smarrito, che non presentava però etichette, nomi o informazioni circa la sua provenienza e il suo proprietario. Niente faceva capire cosa potesse contenere. Per 7 giorni l’hanno tenuta nel magazzino degli oggetti dimenticati. Nessuno però l’ha reclamata. Trascorso il tempo stabilito dalla legge, il giudice ha dato l’ordine di aprirla. Quello che hanno trovato al suo interno ha lasciato tutti senza parole.

In un piccolo spazio di appena 42 centimetri di altezza, c’erano 3 cuccioli tigre siberiana, specie in via di estinzione. Chiaramente, i cuccioli erano malnutriti e disidratati, e completamente ricoperti dalla loro urina e dalle loro feci. La cosa più orribile è che oltre alla puzza provocata dagli escrementi, c’era anche quella creata dalla putrefazione delle zampe dei piccoli felini che stavano per essere completamente divorate dalle larve e dai vermi.

Non erano nemmeno stati vaccinati. Animali Libano, un’organizzazione che difende i diritti degli animali si è offerta subito di prendersi cura di tigrotti.

Erano in condizioni di salute pietose. Le indagini hanno permesso però di scoprire quale fosse la loro provenienza. A quanto pare, i cuccioli di tigri venivano dallo Zoo Nikolaev in Ucraina ed erano destinati allo zoo di Samer al-Husainawi a Damasco, Siria. Secondo il direttore esecutivo di Animali Libano: “Dal 2012 la madre dei tigrotti, ha dato alla luce almeno 12 cuccioli, tra cui, questi 3. Gli altri 9 probabilmente sono stati venduti ad acquirenti privati.”

Al momento i cuccioli stanno già molto meglio, ma devono sottoporsi ad altre cure. Il direttore dello zoo ucraino li rivuole ed è disposto ad agire per vie legali. Animali Libano ha scritto sul suo profilo social: “Queste tigri possono valere migliaia di dollari sul mercato nero. Il proprietario sta lottando per riprenderseli. E noi stiamo combattendo per le tigri.”
Chiaramente speriamo che abbia la meglio l’associazione. Ecco un video che vi mostrerà i cuccioli e le loro attuali condizioni.

[Fonte consultata: Estu.tv]

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Loading...
loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo a notizieuniversali@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.