Calabria: strage familiare con 4 morti. Ecco il probabile movente.

È un omicidio-suicidio la strage di quattro persone, tutti componenti lo stesso nucleo familiare, avvenuta a Rende.

A sparare sarebbe stato Salvatore Giordano, 57 anni, proprietario insieme al fratello di un negozio di telefonini, il Musichiere, a Rende.

Giordano avrebbe prima ucciso la moglie Franca Vilardi 59 anni, poi i due figli Giovanni e Cristina di 22 e 28 anni e poi si è sparato un colpo alla tempia.

Al piano di sotto vivono i genitori 90enni dell’uomo che non si sarebbero accorti di nulla. ↓

I Giordano sono considerati una famiglia perbene. Mai una chiacchiera sul loro conto.

Strage scoperta dal fratello

La strage è stata scoperta dal fratello del commerciante.

Il corpo di Giordano è stato trovato vicino alla porta d’ingresso; poco più in là, quello del figlio Giovanni, mentre la moglie e la figlia erano nella stanza da letto.

I carabinieri hanno rinvenuto vicino al corpo di Giordano, due pistole, illegalmente detenute e alcuni coltelli insanguinati.

Alla base dell’omicidio-suicidio potrebbero esserci problemi di natura economica. ↓

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Loading...
loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo a notizieuniversali@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.