“Un terrone in meno” su Facebook. Condannato a risarcire la famiglia della vittima.

“Sono felicissimo, un terrone in meno da mantenere”.

Così un operaio torinese di 42 anni aveva commentato su Facebook, utilizzando un profilo falso, la morte un ragazzo siracusano, Stefano Pulvirenti.

Appena 17enne era rimasto coinvolto in un incidente stradale e dopo 23 giorni di agonia, nel novembre del 2015 si era arreso. ↓

Il gesto è costato mille euro all’autore del post razzista: è la condanna che ha patteggiato, oltre alle spese processuali.

“Quando vedo queste immagini – aveva ancora scritto l’operaio di Settimo Torinese – e so che nella bara c’è un terrone ignorante, godo tantissimo.

Peccato che ero al Nord altrimenti avrei c… su quella bara bianca”. L’episodio era venuto alla luce dopo la denuncia di alcuni amici della vittima.

L’operaio, identificato nel 2016 venne poi rinviato a giudizio per diffamazione aggravata da odio razziale.(LaRepubblica)↓

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Loading...
loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo a notizieuniversali@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.