Cosa ha scoperto la lega. I migranti? Non sono poveri: ecco quanto spendono per i beni di lusso.

Arriva una segnalazione direttamente dal consigliere regionale della Lega in Toscana che potrebbe far scaldare gli animi agli italiani.

Quasi ogni giorno ascoltiamo decine di migranti lamentarsi di cibo migliore, wifi, televisioni e a volte anche nuovi vestiti.

Scrive Jacopo Alberti, Consigliere regionale della Lega in Toscana: “Da più parti ci giungono segnalazioni circostanziate che riportano come in alcuni centri d’accoglienza per gli immigrati in Toscana vi sia un discreto via vai di fattorini. ↓

Questi consegnano ai presunti profughi materiale di moda acquistati direttamente su noti siti dediti all’e-commerce”.

“Una pratica che riteniamo alquanto inusuale per persone bisognose che, scappano da guerre ed una volta in Italia, invece, si possono permettere il lusso d’ordinare capi firmati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Loading...
loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo a notizieuniversali@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.