Riace, la gaffe di Salvini: contesta Lucano pubblicando l’opinione di un prestanome del clan Ruga.

Pur di attaccare l’avversario politico, qualsiasi cosa va bene. Anche la malavita.

Sono queste le accuse lanciate al Ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Nel tentativo di screditare il sindaco di Riace Domenico Lucano, posta su Facebook il video di quello che definisce “cittadino modello di Riace” che accusa il sindaco di aver abbandonato le famiglie di Riace per pensare solo agli extracomunitari.(continua)

L’autore del video, però,  è un certo Zucco, arrestato come prestanome del clan della ‘ndrangheta Ruga Metastasio e condannato nel 2015 dalla Corte di Cassazione.

E in Paese lo conoscono tutti, in quanto era vicesindaco nell’amministrazione precedente a quella in cui Lucano ha vinto per la prima volta le elezioni.

Quindi Zucco odia l’attuale sindaco, e questo abbassa notevolmente la credibilità di ciò che dice

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Loading...
loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo a notizieuniversali@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.