Massacrato dai bulli fuori dalla sua scuola: Antonio chiede di morire in riva al mare.

Una morte assurda, dopo un pestaggio folle e brutale. Ma ha chiesto di morire a modo suo Antonio, e i genitori lo hanno accontentato. 

Se n’è andato in riva al mare, guardando quell’oceano che tanto amava.

Aveva solo 14 anni, e dopo un anno di indicibili sofferenze, Antonio è morto.

Era stato assalito da un gruppo di coetanei: calci e pugni che gli avevano provocato un grave danno cerebrale.

Poi il coma, il difficilissimo intervento chirurgico che gli ha salvato la vita.

Aveva perso parte della vista e metà del suo corpo paralizzato. (continua)↓

La sua famiglia non si è mai arresa, 9 operazioni difficilissime si sono succedute nei mesi ma le condizioni del ragazzo sono peggiorate inesorabilmente.

Nonostante il parere contrario dei medici messicani, i genitori hanno fatto uscire Antonio dall’ospedale e l’hanno portato in riva al mare.

Voleva sentire le onde e l’odore della brezza marina, toccare la sabbia, così alla fine abbiamo deciso di farlo uscire”.

Tre mesi dopo il ragazzino è deceduto.

Sette ragazzi sono stati denunciati e verranno a breve processati per omicidio. ↓

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Loading...
loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo a notizieuniversali@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.