Papà uccide il figlio di 6 anni con acqua bollente in gola: “Aveva il demonio dentro”.

Ha versato acqua bollente nella sua gola e lo ha tenuto sotto l’acqua fino ad ucciderlo. 

Ha ammesso di aver ucciso il figlio di 6 anni affermando che voleva esorcizzarlo.

Il 31enne ha spiegato che il piccolo era scoppiato in una crisi di rabbia mentre gli faceva il bagno e lui ha interpretato la cosa come il segno che fosse indemoniato. (continua)↓

Così lo ha costretto a bere l’acqua bollente del rubinetto, convinto che avrebbe cacciato il demonio e poi lo ha lasciato sotto acqua.

«Dovevo farlo», ha poi dichiarato il padre, come riporta la stampa locale.

La mamma ha chiamato i soccorsi, ma per il bambino non c’è stato nulla da fare.

Aveva gravi ustioni ed è stato dichiarato morto poco dopo l’arrivo dei sanitari.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Loading...
loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo a notizieuniversali@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.