Carola Rakete sfregia i morti di Covid: «La pandemia è una scusa. Tutto questo per non far entrare i migranti»

I morti di Covid usati come scusa per boicottare l’ingresso dei migranti. Chi poteva delirare in questa maniera se non Carola Rackete? Lo riporta secoloditalia.it

Ma quel che è peggio è che si fa beffa della tragedia del coronavirus, e in spregio ai tanti deceduti e malati ha affermato che il Covid è la scusa usata per voltare le spalle ai migranti.

Ha dichiarato testualmente che « i Paesi europei stanno sfruttando la crisi per «mettere da parte i diritti umani e per smettere di rispettare la legge del mare».↓

Poi insulta anche il nostro Paese che sta pagando cara la pandemia e la crisi che ancora a lungo ci assedierà: «Malta, in primo luogo, ma anche altri stati europei, tra cui Italia, Paesi Bassi e Germania, continuano a ostacolare il salvataggio e il monitoraggio delle missioni in mare e in volo.

La criminalizzazione del salvataggio in mare continua. L’Europa preferirebbe far affogare i migranti piuttosto che permettere di raggiungere le sue coste». ↓

loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo a notizieuniversali@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.