Si è svegliata dal coma la bambina di un anno a cui volevano staccare il respiratore.

Si è svegliata Marwa, la bambina di un anno in coma da due mesi a cui i medici avrebbero voluto staccare la spina.

Il virus contratto, dicevano, aveva danneggiato organi e neuroni. Ma il padre si è opposto con tutte le sue forze e ha lanciato in rete una petizione che ha raccolto più di 100mila firme. Intanto, comunque, il tribunale amministrativo di Marsiglia aveva emesso a suo favore l’ordinanza nei confronti dello staff medico di “continuare le cure appropriate” e la realizzazione di un piano specializzato per la situazione della giovane paziente: «Sarà condotta una perizia affidata ad un collegio comprendente due neurologi ed un neurologo pediatrico nominato dal presidente del tribunale», ha fatto sapere l’avvocato dei genitori a Nice Matin.

Il respiratore, quindi, non è stato staccato e giovedì la piccola è uscita dal coma, ma non è detto che il peggio sia passato. La bimba versa in condizioni difficili ed è possibile che riporti disturbi a livello cerebrale. Ma la consapevolezza non basta a fermare un padre che può riprendere tra le braccia la sua bambina. Per questo motivo l’uomo ha girato e messo sui social un video per mostrare a tutti il miracolo della piccola Marwa. Sono immagini forti ma che si chiudono con un sorriso e un messaggio: «Il mio amore Marwa, mi manchi mio angelo. Continua a combattere, ti amo troppo».

loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo a notizieuniversali@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.