Carabiniere ucciso, un romano esulta sui social: “Pisciamo sulla tomba di sto sbirro infame”

“Si chiama Stefano Egidi, e presenta un profilo facebook completamente antipolizia.

Ha gioito per la morte del Carabiniere Emanuele Anzini, avvenuta nella Bergamasca a causa di un pirata della strada.” E quanto scrive il sindacato di polizia sul proprio sito web. “Egidi, augura la stessa fine a più colleghi e, a quanti gli annunciano che rischia una denuncia, risponde sbeffeggiandoli. Come Sap non tolleriamo questi vili gesti alla memoria di quanti sacrificano la vita per servire il Paese.

Abbiamo sempre denunciato e continueremo a farlo. Lo abbiamo fatto anche in questo caso, denunciando la condotta di Stefano Egidi alla Procura della Repubblica, nella speranza di una severa punizione.
Non è ammissibile gioire per la morte di un uomo di Stato, figlio, fratello e soprattutto papà di una bimba piccola che non potrà più abbracciare.”(fonte)

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo a notizieuniversali@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.