Orrore in Campania, bimbo costretto a mangiare “pasta e sangue” e messo a testa in giù

Emergono dettagli raccapriccianti dall’orrore di Sant’Arpino che vede vittima un bimbo di 5 anni, pestato di botte e insultato dalla mamma e dallo zio.

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere ai danni del 34enne e della trentenne mostra uno scenario di violenza inaudita nei confronti del piccolo. Tutto è partito dalla denuncia delle due maestre, che ogni giorno notavano sul corpo del piccolo lividi ed escoriazioni, nascoste con del fondotinta.

Dopo la denuncia sporta dalle insegnanti, i carabinieri della Compagnia di Marcianise hanno deciso di installare delle telecamere nascoste nella casa degli orrori.

Le immagini hanno ripreso uno scenario terrificante. In uno dei tanti episodi di violenza, il bimbo è a tavola. Viene colpito così forte con una mazza da scopa che sprizza sangue dal naso. Il liquido ematico finisce nel piatto di pasta che sta mangiando. I parenti gli afferrano la testa e gliela sbattono nel piatto sporco obbligandolo a mangiare.(rn.net) 

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo a notizieuniversali@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.