Gravissima tragedia sul posto di lavoro, perdono la vita 6 persone. Tra loro 4 giovani.

I primi a dare l’allarme alcuni dipendenti dell’Humanitas. A nulla purtroppo sono valsi i soccorsi, arrivati rapidi sul posto.

In base a quanto ricostruito, le vittime stavano ricaricando una cisterna di azoto liquido, utilizzato nel campus sia per alimentare l’impianto antincendio che per attività di ricerca e conservazione di materiali.

Sarebbero morti soffocati e forse congelati, travolti da un’ondata di azoto a oltre 200 gradi sotto zero: questo l’atroce destino che sarebbe toccato agli operai  di Brescia che hanno perso la vita nel terribile incidente, all’Humanitas di Pieve Emanuele, nel Milanese.

Le vittime sono Jagdeep Singh, 42 anni di Piamborno, e il 46enne Emanuele Zanin di Molinetto. Intanto sono 6 le morti sul lavoro, nelle ultime 24 ore in Italia. Sei i caduti colpevoli solo di aver svolto la loro mansione. Tra loro 4 giovani. Un bollettino drammatico.

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore o siano viziate da errore, vogliate comunicarlo a calabriadasogno@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.