Ruba tre merendine da un distributore: denunciato e arrestato – deve scontare 2 mesi in carcere e s..aldare la multa.

Finire in carcere per aver rubato delle merendine?

E’ possibile e ne sa qualcosa Alban C., un ragazzo ancora minorenne che nel 2012 insieme a degli amici rubò tre merendine, per un valore di circa 5 euro, da un distributore automatico di una scuola in provincia di Pesaro, che frequentava.

Ebbene, a circa sette anni di distanza Alban è stato chiamato dai carabinieri per una notifica: il ragazzo, che oggi ha 22 anni, in un primo momento ha pensato che riguardasse qualcosa del suo permesso di soggiorno. Con grande sorpresa ha invece appreso che si trattava di qualcosa di ben più serio.

I militari gli hanno spiegato infatti: “La procura generale ha emesso il decreto di esecuzione della pena. Deve scontare 2 mesi e 20 giorni di reclusione in carcere e pagare 80 euro di multa.

Il giovane Alban è naturalmente rimasto a bocca spalancata e il suo avvocato Marco Vitali, ha commentato: “Sono avvilito perché è incredibile quello che è successo. Siamo di fronte ad un caso di malagiustizia che spedisce in carcere un ragazzo per una merendina del valore di 5 euro.

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore o siano viziate da errore, vogliate comunicarlo a calabriadasogno@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.