Nega il cibo al figlio neonato, bimbo di 2 mesi muore per denutrizione. La madre poi ride: “era sofferente da tempo”

(Foto di copertina illustrativa) Milano – Nega il cibo al figlio neonato e lo lascia morire di fame.

Il piccolo che aveva appena due mesi, pesava 2,5 chili, molto meno di quanto pesasse alla sua nascita. L’assenza di cibo ha fatto sì che deperisse in modo mortale. Il primo appuntamento dal medico dopo il parto aveva dimostrato che il piccolo era perfettamente in salute. ↓

Nelle settimane successive la mamma però ha smesso di andare ai controlli, fino a quando non ha chiamato l’ambulanza vedendo il bimbo peggiorare.

La donna, albanese di 25 anni, ha respinto le accuse dicendo di non aver mai negato il cibo al suo bambino. Ha sempre sostenuto che il piccolo stava male e con lei il suo compagno. ↓

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore o siano viziate da errore, vogliate comunicarlo a calabriadasogno@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.